Hai controllato il livello di sicurezza delle tue stampanti in rete?

Lo sai che se possiedi stampanti in rete dovresti prestare particolare attenzione anche al loro livello di sicurezza? Sei consapevole dell’esistenza di rischi connessi a questi strumenti ove messi in condivisione tra più utenti?

Molti sottovalutano questi aspetti correndo ai ripari solo dopo che si sono verificate problematiche di una certa entità, ma esiste la possibilità che qualcuno si introduca nei tuoi sistemi proprio attraverso questi dispositivi messi in condivisione.

Spesso si pensa che le stampanti in rete in quanto provviste di firewall siano impenetrabili dall’esterno, ma purtroppo non è sempre così, anzi, frequentemente rappresentano l’anello più debole della rete IT aziendale, quello dai quali utenti malintenzionati avranno la possibilità di accedere. Proprio dai file in stampa infatti potrebbero risalire alle credenziali dell’utente e, conseguentemente, raggiungere gli altri contenuti presenti sui computer e sui server collegati.

Pertanto, per mettere in atto una strategia per il controllo della sicurezza delle stampanti in rete, esistono molteplici impostazioni nella configurazione del sistema per assicurare il massimo in termini di protezione IT.

5 consigli per tenere sotto controllo il livello di sicurezza delle tue stampanti in rete

Esistono accorgimenti o, quantomeno, azioni utili a elevare il livello di protezione delle stampanti condivise in rete? Certo che sì e qui di seguito elencheremo 5 consigli per innalzare la sicurezza dei dispositivi in tuo possesso.

  1. Considera le stampanti come se fossero computer, in quanto anche esse rappresentano un punto di accesso verso la rete aziendale. Ove trascurata la sicurezza di anche solo un dispositivo vi sarà una falla nel sistema, ovvero un potenziale ingresso da cui malintenzionati potrebbero mettere in atto un attacco informatico.
  2. Non solo le stampanti, ma anche e soprattutto i modelli multifunzione necessitano di sistemi di sicurezza IT studiati ad hoc. Questo perché non ogni dispositivo presente sulla rete ha bisogno della medesima tipologia di protezione, bensì la stessa dovrà essere calibrata in funzione delle caratteristiche del singolo elemento.
  3. Più dispositivi possono essere connessi a una sola stampante, ragion per cui esistono molteplici percorsi che necessitano di protezione. I punti dai quali gli hacker informatici possono accedere alla rete crescono costantemente anche in funzione del lavoro in rete, del telelavoro e della cultura del BYOD (bring your own device).
  4. È indispensabile conoscere bene la stampante in proprio possesso in quanto un dispositivo multifunzione, per esempio, potrebbe disporre addirittura di 250 impostazioni di sicurezza configurabili. Esiste inoltre la possibilità di gestire l’aspetto security con sistemi di gestione standard per semplificare il compito e uniformarlo secondo le singole necessità.
  5. Il personale che si occupa della sicurezza IT dovrebbe includere anche le stampanti nel sistema di monitoraggio per andare a scovare per tempo eventuali falle e vulnerabilità nella rete. In questa maniera sarà possibile valutare le minacce presenti e intervenire per tempo prima che si presentino problematiche complesse.

Alla luce di queste riflessioni, reputi che il livello di sicurezza delle tue stampanti in rete sia realmente adeguato?

Hai controllato il livello di sicurezza delle tue stampanti in rete?

Lavora con noi

Queste le caratteristiche fondamentali per affrontare un mercato in continua evoluzione e sempre più competitivo: affiatamento, spirito di gruppo, competenza, motivazione, flessibilità.

Se desideri far parte del nostro team invia il tuo Curriculum Vitae all’indirizzo [email protected]


Diventa nostro Partner

Per agevolare e sostenere sempre di più i nostri Clienti, ci affidiamo ad aziende qualificate che ci supportino nella conoscenza del mercato di riferimento, e nella ricerca di soluzioni innovative.

Per diventare nostro Partner invia una email all’indirizzo [email protected]